File dell’albero della saggezza per ETF con una quota del 5% di Bitcoin Futures

Un asset manager con sede a New York ha presentato domanda per un ETF che investirà fino al 5% del suo capitale in contratti futures Bitcoin, nonostante si concentri su energia, agricoltura e metalli.

WisdomTree Investments, un fornitore di ETF (Exchange Traded Fund) con sede a New York, ha presentato domanda per un ETF che investirebbe fino al 5% del suo portafoglio in contratti futures Bitcoin Evolution regolati in contanti offerti dal Chicago Mercantile Exchange (CME).

La domanda, presentata il 16 giugno, afferma che il fondo proposto investirà nei mercati a termine di quattro settori di materie prime che spaziano dall’agricoltura, ai metalli industriali, ai metalli preziosi e all’energia.

Non saranno effettuati investimenti diretti nelle attività fisiche sottostanti.

Gli ETF di crittografia hanno poca fortuna tra i regolatori

Nonostante le autorità di regolamentazione abbiano finora respinto le domande per gli ETF Bitcoin, WisdomTree spera che il suo „WisdomTree Enhanced Commodity Strategy Fund“ abbia il via libera grazie alla sua piccola allocazione verso un prodotto regolato dalla SEC.

Tuttavia, la preferenza del fondo per i contratti a termine rispetto alle attività fisiche potrebbe non essere favorevole al regolatore, a seguito dello spettacolare crollo dei mercati petroliferi statunitensi che ha visto i prezzi scendere in negativo nel corso del mese di aprile.

Nonostante gli analisti abbiano espresso dubbi sulla probabilità che il fondo di WisdomTree venga approvato, l’inclusione dei futures Bitcoin accanto ai contratti per il petrolio, il bestiame, il caffè e l’alluminio illustra il crescente interesse per il cripto da parte di molti gestori di fondi che si concentrano sulle classi di attività principali.

Gestori di patrimoni mainstream caldi a criptare

A maggio, Kingdom Trust, un depositario regolamentato che gestisce più di 13 miliardi di dollari di attività, ha lanciato un conto pensionistico a supporto di Bitcoin e delle attività tradizionali.

Parlando con Cointelegraph, l’amministratore delegato di Kingdom Trust, Ryan Radloff, ha previsto che nei prossimi anni una quota crescente del mercato pensionistico statunitense, pari a 28 trilioni di miliardi di dollari, si aprirà ai beni criptati:

„Secondo le nostre stime, ci sono 7,1 milioni di americani che possiedono Bitcoin, hanno un conto pensione, ma attualmente non hanno la possibilità di tenere Bitcoin nel loro conto pensione con gli altri loro beni“, ha detto.